You First Pura Rinascita
BELLEZZA, CURIOSITÀ, ARMONIA E SOPRATTUTTO RINASCITA: A QUESTI
CONCETTI SI ISPIRA IL NOSTRO MAGAZINE, PER CONDIVIDERE MOMENTI
SPECIALI E PER RITAGLIARSI UNO SPAZIO PER SÉ.

VAI AL SITO YOUFIRST.EU E ACQUISTA SUBITO I PRODOTTI
13 febbraio 2018

ALCHIMIA DELLA RINASCITA

“Dipingo i fiori per non farli morire”


“Dipingo i fiori per non farli morire”
Un viaggio olfattivo attraverso l’immaginario di Frida


Frida amava le piante e la natura e considerava il giardino di Casa Azul un luogo di benessere e ispirazione. I fiori erano ovunque, tra i capelli, a cingere il suo sguardo fiero, da icona pop di forza come poi nel tempo è diventata. I fiori e la natura sono ovunque nelle sue opere. L'amore della pittrice per piante, frutta e fiori si esprime soprattutto nelle nature morte.
Amava usare frutti e fiori locali come mezzo per valorizzare il patrimonio e la nazionalità messicana. Il giardino richiamava il gusto europeo del diciannovesimo secolo per felci e palme a cui si aggiungevano piante autoctone come agavi, cactus e fichi d'india, che crescevano insieme a alberi di mele cotogne e di albicocche, di melagrane e arance. I fiori e i frutti del giardino venivano poi utilizzati per creare composizioni sul grande tavolo da pranzo, dove erano protagonisti iris blu e bianco, dalie, calle, viole e calendule.
Spesso l'artista conservava dei fiori tra le pagine dei libri e li lasciava essiccare. Questi elementi naturali sono stati talmente importanti che il Botanical Garden di New York vi ha dedicato una mostra nel 2015.
Il simbolismo di fiori, piante ed animali nelle sue opere è ricchissimo e ci limitiamo qui solo ad alcune suggestioni: la magnolia, fiore molto diffuso in Messico, valorizzato dagli aztechi, inebriante e dalla vita breve (come Frida), cosi come l’Hibiscus. I cactus, la sua mexicanidad. Bouganville e coda di pavone come espressione della vanità del travestitismo e apertura e accoglienza, tipici di Frida. Colibrì, in cui Frida amava identificarsi, venerato da Maya e Aztechi, e fiori di dalia, simbolo di femminilità, riconoscenza, libertà, molto presenti in Messico. Rovi e spine a simboleggiare il dolore cui l’artista è stata sottoposta. E poi margherite, calle, azalee, sterlizia, crisantemi ed infine, per noi estremamente significative, le foglie di acanto, simbolo di Rinascita.
Buon coloratissimo, profumatissimo, magico Viaggio alla scoperta di questa artista unica! Lasciatevi ispirare!


Preferiti   Share  
13 febbraio 2018

RACCONTI DI RINASCITA

FROM FRIDA WITH LOVE


“Fratello: non so dirti nulla della tua felicità. Che cosa si può dire quando incomincia la vita?...” scrive Frida nell’agosto del 1927 a Lira (da lei affettuosamente soprannominato Chong Lee per la sua forte passione per la cultura cinese) una delle sue relazioni-amicizie-alleati. La raccolta di lettere contenute in questo libro, molte inedite e tradotte per la prima volta in italiano, possono aiutare a comprendere la caratteristica principale del profilo di Frida Kahlo: il cuore, e la sua polivalenza.

Fu figlia, artista, moglie, amica, amante, confidente, militante politica, teorica, agitatrice, rinnovatrice, donna del suo tempo. Attraverso queste lettere ci addentriamo nel mondo raro di Frida, un mondo senza regole, quasi esclusivamente interiore, un mondo fatto dai nostri sogni e dalle nostre paure, riflesso dei nostri stati d’animo. Le lettere raccontano anche la cesura tra il prima e il dopo lo spaventoso incidente occorso a Frida, trasformando l’adolescente allegra e innamorata in un personaggio di tragica grandezza, capace sempre e nonostante tutto di mantenere una profonda voglia di vivere.

La selezione è a cura di Diego Sileo, teorico e storico d’arte, curatore del PAC (Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano) dal 2013, il cui lavoro si è concentrato sulle esperienze e sulle teorie relative alla performance e alle poetiche corporee. Ha ideato, tra le altre, le mostre di Vanessa Beecroft, Yayoi Kusama, Franko B, e curato le mostre personali di Marina Abramović e Regina José Galindo. Studioso dei processi della creazione estetica in Sudamerica, ha frequentato corsi di specializzazione presso l’Università di Città del Messico e l’Università di Buenos Aires, e nel 2010 ha fatto parte, come unico membro europeo, del progetto di ricerca sul nuovo archivio di Frida Kahlo e Diego Rivera del Museo Frida Kahlo di Città del Messico. Una guida unica e profondamente appassionata, capace di aprirci il cuore di Frida…e, ci auguriamo, un pò anche il nostro. Buona lettura!



Diego Sileo
FROM FRIDA WITH LOVE
Lettere di Frida Kahlo
A cura di 24ORE CULTURA

Preferiti   Share  
13 febbraio 2018

MOMENTI PER SÈ

MUDEC -Museo delle Culture


Inserito nel Design District per eccellenza, il MUDEC è il luogo d’incontro fra le culture e la comunità. Il progetto del Museo delle Culture ha origine negli anni 1990 quando il Comune di Milano acquista la zona ex industriale dell’Ansaldo per destinarla ad attività culturali. Nello scenario architettonico delle fabbriche dismesse, il Comune di Milano progetta un polo multidisciplinare dedicato alle diverse testimonianze e culture del mondo. L’area espositiva del Museo, al primo piano, si sviluppa intorno ad una grande piazza centrale coperta e ospita la sezione del percorso museale con le opere della collezione permanente e le sale dedicate alle grandi mostre temporanee. Completa lo spazio l’auditorium, un teatro dedicato alle performance e alle arti visive. Al piano terra bistrot, design store, sala Forum delle Culture, spazio per la didattica, laboratorio di restauro. Il MUDEC Lab infine è uno spazio interamente dedicato ai bambini, che propone visite guidate e divertenti laboratori tematici legati al percorso museale e alle mostre in corso.
In perfetto dialogo con la mostra di Frida Kahlo e coerentemente con il progetto del Mudec, l’esposizione “IL SOGNO DEGLI ANTENATI. L’archeologia del Messico nell’immaginario di Frida Kahlo.” è un articolato racconto fatto di oggetti archeologici ed etnografici messicani della collezione permanente del MUDEC, foto storiche e immagini di opere di Frida Kahlo, che mostra come il mondo indigeno e il passato precolombiano abbiano costituito elementi fondanti della pratica artistica dell’artista messicana.


Il Mudec vale una visita anche solo per la bellezza della struttura, progettata dall’architetto David Chipperfield, il cui tratto saliente è il contrasto tra le linee curve dello spazio di transito centrale e i volumi geometrici e regolari delle singole sale espositive, ulteriormente accentuato dalle diverse gradazioni di luce e colore dei diversi ambienti. Buona visita!


Mudec
Museo delle Culture di Milano

Via Tortona 56
Milano

Preferiti   Share  
13 febbraio 2018

TALES IN MILAN

FRIDA KAHLO, OLTRE IL MITO


Il 1° di febbraio ha inaugurato al Museo Mudec la mostra “Frida Kahlo. Oltre il mito”, un progetto espositivo frutto di sei anni di ricerche, con la curatela dell’appassionato Diego Sileo. Per la prima volta in Italia tutte le opere del Museo Dolores Olmedo e della Jacques and Natasha Gelman Collection, le due più importanti e ampie collezioni di Frida Kahlo al mondo, insieme alla partecipazione di autorevoli musei internazionali che hanno prestato alcuni dei capolavori dell’artista messicana mai visti nel nostro Paese. Una mostra incentrata sull’opera artistica più che sul personaggio, indubbiamente iconico, dispiegata in 4 sezioni: la donna, la terra, la politica, il dolore.

La donna, prima sezione, mette in luce Frida Kahlo, la prima artista donna a fare del proprio corpo un manifesto, ad esporre la propria femminilità in maniera diretta, esplicita, a volte violenta, rivoluzionando irrevocabilmente il ruolo femminile nella storia dell’arte. La seconda sezione, La terra, ricorda come Frida Kahlo si sia sempre identificata con la sua Terra e nella sua opera abbia gradualmente sviluppato un interesse nuovo per gli elementi della natura, stabilendo attraverso questi una serie di relazioni. La terza sezione affronta il lato politico, indissolubilmente legato a tutta l’attività di Frida. Resistenza sociale e opposizione, mai ideologica comunque.

Infine l’ultima sezione, dedicata al Dolore. L’arte di Frida Kahlo è marcata da una qualità pittorica potente ed espressiva e da una violenza dell’immagine che inevitabilmente sfocia in una vera iconografia del dolore: le sue immagini sono cosi potenti da creare disagio, ansia, paura, orrore. Impossibile restare indifferenti.

Andare “Oltre il mito” è proprio l’obiettivo di questa ricca esposizione milanese, andare cioè oltre la visione semplicistica della relazione tra la vita e l’opera dell’artista messicana, dimostrando che per un’analisi seria e approfondita della sua poetica è necessario spingersi al di là degli angusti limiti di una biografia e andare oltre quel mito consolidato e alimentato dalle mode degli ultimi decenni. L’appuntamento milanese evidenzierà come Frida Kahlo nasconda ancora molti segreti e racconterà - attraverso fonti e documenti inediti svelati nel 2007 dall’archivio ritrovato di Casa Azul (dimora dell’artista a Città del Messico) e da altri importanti archivi qui presenti per la prima volta con materiali sorprendenti e rivoluzionari (archivio di Isolda Kahlo, archivio di Miguel N. Lira, archivio di Alejandro Gomez Arias) nuove chiavi di lettura della sua produzione. Una donna coraggiosa, libera, sincera, portatrice di un messaggio ancora cosi contemporaneo, rivoluzionario e potente. Buona Rinascita!


FRIDA KAHLO
Oltre il mito
Mudec – Museo delle Culture di Milano
Via Tortona 56
Milano
Dal 1° febbraio al 3 giugno 2018

Preferiti   Share